L'eterno crollo in borsa

Ho pubblicato questo articolo per la prima volta sette anni fa sul mio vecchio sito ma il contenuto è valido ancora oggi. L'eterno venditore allo scoperto e il permabear esistono ancora, ovviamente, così come i profeti del crollo dei tempi passati che prevedevano la fine del mondo (del mercato azionario). Ma niente di tutto questo è successo...  


Articolo di blog del 2014:


Certamente gli ultimi 3 anni non sono stati tempi facili per i venditori allo scoperto. Sono stati costantemente sopraffatti dai tori più e più volte, quando si è pensato che il mercato non potesse salire oltre, sono arrivati i nuovi massimi storici dello S&P 500 e del Dow. E anche oggi (12 agosto 2014), mentre stiamo vivendo "alcune" correzioni e una maggiore volatilità, è ancora incerto se quei tempi paradisiaci (intendo il paradiso per me) ritorneranno. Questo è piuttosto tipico per coloro che hanno avuto il loro apprendistato nel mercato azionario nei primi anni dopo l'11 settembre. Quelli erano tempi incerti e volatili nei quali alla fine ogni permabull venne messo fuori gioco.

Per prima cosa ho dovuto "imparare" a comprare il Dow Jones nelle fasi di debolezza e poi ottenere profitti. Era un gioco diverso da quello a cui ero abituato (mi piace fare scalping con la volatilità in tutti i tipi di mercati). E il mio adeguamento ha richiesto troppo tempo. Quindi, non è stata una sorpresa che gli anni 2011-2014 non siano stati per me i migliori per il mercato azionario, a differenza del 2008 o del 2011, per esempio, quando i mercati scesero drasticamente. Quello era il mio gioco.

L'eterno venditore allo scoperto (e toro d'oro e d'argento) ha dovuto imparare ancora una volta una nuova lezione del mercato azionario: adattare le proprie strategie alle condizioni del mercato. Non avevo mai sperimentato veri mercati toro come quelli della fine degli anni '90, dove si comprava solo e poi si stava seduti con le mani in mano. In teoria, ovviamente, sapevo che si poteva fare. Ma... sapere che qualcosa possa essere fatto, non significa che sia altrettanto facile metterlo in pratica. In qualche angolo del mio cervello si nascondeva un permabear (un permabear è sempre negativo sulla direzione futura dei mercati e dell'economia in generale, a prescindere). Non si è mai sentito a suo agio con il costante aumento dei mercati e, naturalmente, se si ha questa tendenza è sempre possibile trovare argomenti sufficienti per giustificare questo atteggiamento.

La convinzione della certezza del crollo può essere così radicata da risultare molto difficile da eliminare. Ed è anche una convinzione costosa. È sufficiente uno sguardo ai grafici a lungo termine per capirlo. Come spesso accade, queste convinzioni radicate hanno anche una base ideologica. Ho dovuto lavorare molto su me stesso per scacciare quei perpetui tori d'oro, gli odiatori della Fed, le malelingue dell'inflazione e altri teorici della cospirazione che vivevano dentro di me. Tutto questo ti offusca la visione della realtà. E la realtà era: i mercati stavano salendo!

Se le cose cominciano a sembrare diverse quando avvengono piccole correzioni e qualche profeta del crollo comincia a splendere, non dimenticate che le grandi svolte di mercato non avvengono così velocemente. Aspettiamo e vediamo se a un certo punto arriverà una grande correzione. Se questo accadrà, sarò tra i venditori allo scoperto, come ogni trader dovrebbe essere. E questa volta, lo giuro, il mio adeguamento avverrà più velocemente!

Back to blog