La cosiddetta crisi del debito

Chi lo ha conosciuto spesso vorrebbe che fosse ancora tra noi.... 

Sto parlando del grande investitore André Kostolany.

1906 Budapest, Ungheria - 1999 Parigi, Francia

Mi piacerebbe sapere cosa direbbe dell'attuale situazione dei mercati finanziari. 

Che cosa penserebbe dei livelli di debito di tutti i paesi occidentali (e di molti emergenti)? 

Cosa direbbe o scriverebbe sulla crisi finanziaria, sull'oro e l'argento, ecc.?

Purtroppo André non è più tra noi e non riesco a trovare un altro grande investitore come lui da nessuna parte.

Abbiamo però, fortunatamente, i suoi articoli conservati in forma di libro. 

In uno di questi libri parla della crisi del debito del 1987, o come il capitolo è intitolato, "la cosiddetta crisi del debito".

Ed è qui che diventa interessante:

"Non si può affermare che i più grandi paesi debitori, Messico, Brasile, Argentina andranno in bancarotta", scrive. "Hanno sì una ricchezza immensa (geologica), ma non hanno contanti in tasca. Il capitale e la ricchezza non sono pari al contante in tasca. Ora, che cosa succederebbe se questi paesi non potessero ripagare i loro debiti? Perché questo è già chiaro oggi: i debiti non saranno mai ripagati. Beh, non succederebbe nulla. Niente di niente".

Niente di niente.

E inoltre: 

"Nonostante tutte le contro argomentazioni, la gente continua a diffondere il panico con parole come crash o crollo… Molti citano il crollo bancario americano del 1933... ma oggi un crollo bancario non sarebbe più possibile, poiché le banche centrali sono libere di decidere fino a che punto espandere la fornitura di denaro. Ogni debitore ha un creditore e questo creditore è a sua volta il debitore di un altro creditore; l'ultimo creditore alla fine della catena è la banca centrale. Essa non deve niente a nessuno e non può andare in bancarotta perché ha la macchina da stampa nelle sue mani... La banca centrale è come l'orologio sul Reno".

Mi chiedo se André Kostolany lo scriverebbe ancora oggi. 

Il grafico qui sotto rappresenta la crescita della massa monetaria in confronto storico (rappresentazione logaritmica). L'accelerazione alla freccia blu sulla destra, è il momento della "crisi COVID-19".

Non succederà niente di niente...

Chi può saperlo?

Solo di una cosa sono piuttosto sicuro:

Kostolany oggi avrebbe appropriati investimenti in titoli americani. E continuerebbe a provare poco amore per i profeti del crollo e per coloro che pensano che si dovrebbe investire tutto il proprio denaro in oro e argento per ripararsi dalla prossima crisi.

Zurück zum Blog