Sviluppa la tua strategia di trading!

Molti aspiranti trader hanno difficoltà a sviluppare una strategia adatta con la quale fare soldi. Il problema non è certo la mancanza di strategie tra cui scegliere. Internet e libri ne sono pieni. Il problema è che scegliere quella giusta tra le molte disponibili è un po' più difficile.

Ecco perché molti principianti "seguono" o "copiano" un guru. Qualche trader reclama il suo successo con un certo metodo e presto un intero esercito di "seguaci" è pronto per copiarlo.

Non sto suggerendo che non si può imparare dai maestri. Certo che è possibile. Ma la ragione per la quale un guru ha tanto successo (se è vero) di solito non è il suo metodo in sé e per sé. Il successo del guru è solitamente dovuto alla fiducia che egli stesso ha nel suo metodo.

Questa fiducia è il vantaggio che il guru ha sui suoi seguaci. Il nucleo del metodo può essere qualcosa di semplice. Spesso si tratta di qualcosa che è stato già descritto o detto prima centinaia di volte. Ma il guru ha successo utilizzandolo perché è un trader disciplinato, e i trader disciplinati hanno successo con tutti i tipi di metodi.

Da questo punto di vista, è meglio sviluppare una propria strategia, magari basata su un'osservazione che avete fatto. E anche questa osservazione può essere qualcosa di semplice come "i minimi del mattino dello S&P 500 sono spesso opportunità di acquisto". Se un trader stabilisce che questo è vero, allora potrà sviluppare attorno a questa idea una interessante strategia di trading che ogni mese produrrà degli interessanti guadagni in questo indice.

Il punto è che è meglio che ogni trader sviluppi una propria strategia basata sulle sue osservazioni e che non la condivida con nessun altro. Dopo una fase di prova, che potrebbe durare diversi mesi, il trader potrà iniziare a fare trading usando questa strategia con piccole posizioni. Lentamente, la fiducia nel proprio metodo si svilupperà naturalmente. Di solito si ha molta più fiducia in un metodo creato da noi stessi che non in uno preso da qualcun altro.

Zurück zum Blog